Triestiners – racconti per non morire – la presentazione

Sabato 18 giugno 2016, alle ore 18.00, al Caffè San Marco a Trieste si terrà la presentazione di Triestiners, racconti per non morire a cura di Graziella Atzori, edita da Ibiskos Editrice Risolo.

La presentazione a cura dell’Associazione Alta Marea avrà come relatrice Antonia Blasina Miseri.

La raccolta di racconti, il cui titolo si ispira a quella di James Joyce, Dubliners (Gente di Dublino), è composta, nella prima parte da The Dead (I morti), l’ultimo e più lungo racconto del libro nella traduzione della giovane Amalia Popper, allieva dello scrittore irlandese, e nella seconda parte da una serie di racconti e poesie di autori triestini selezionati dalla curatrice.

Gli autori che hanno contribuito con le loro opere a questa raccolta sono: Maria Teresa Atzori, Carla Carloni Mocavero, Roberta Lagoteta, Giorgio Micheli, Fulvia Petroccia Piola, Ranieri Ponis, Graziella Semacchi Gliubich, Marina Silvestri,  Walter Chiereghin, Claudio Grisancich e ci sono anche io con il racconto Il messaggio.

Il mio racconto non è stato scritto pensando a questa raccolta e meno che meno si ispira a James Joyce e alle sue opere ma la curatrice ha voluto inserire dei racconti che l’hanno colpita e le cui tematiche in qualche modo possono accostarsi a quelle trattate da Joyce in The Dead.  Il messaggio è un breve racconto di fantascienza, l’unica mia incursione in un genere che amo ma di cui non avevo mai osato scrivere nulla e se cliccate sul link lo potete anche ascoltare, interpretato, dall’attrice Katia Monaco.

Sotto trovate una foto che mi ritrae mentre leggo il mio racconto e l’articolo de “Il Piccolo” di Trieste dedicato alla presentazione.

 

TriestinersPiccolo18062016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tagli alla sanità presentano il conto

Nel numero di dicembre de “Il Lavoratore” troverete un dossier sanità a cui ho contribuito con un articolo dove ho raccontato la mia esperienza con il Covid-19. Più che dei sintomi ho scritto della confusione in cui è precipitato il Dipartimento di Prevenzione dell’ASUGI a Trieste a causa della seconda ondata di contagi iniziata nei primi giorni di ottobre.