Hitler sara lei

Sembra che sia di moda dare dell’Hitler agli altri. In questa devastante guerra ognuna delle due parti accusa l’altra di essere come Hitler.

Zelensky ha dichiarato ieri agli inglesi “Noi non vogliamo perdere ciò che è nostro come un tempo voi non avete voluto arrendervi di fronte all’invasione nazista“. Putin nel suo discorso, dopo il primo giorno di invasione, ha dichiarato di voler “denazificare” l’Ucraina e che la Russia non avrebbe commesso lo stesso errore dell’URSS, invasa dal terzo Reich durante la seconda guerra mondiale, colpendo prima di essere aggredita. Zelensky forse dimentica che ogni 14 ottobre a Kiev sfilavano decine di migliaia di persone che celebravano l’anniversario della creazione dell’UPA, l’esercito nazionalista ucraino collaborazionista del Terzo Reich (vedi foto a sinistra in alto) e dimentica anche di aver inquadrato nell’esercito regolare le milizie neonaziste che hanno scorazzato in questi 8 anni di guerra dimenticata. Putin non può essere credibile come estirpatore del male nazista dopo aver governato con metodi oscurantisti adulato dalla destra populista di tutta Europa. Zelensky continua egoisticamente a chiedere una “No Fly Zone” ben sapendo che questo provocherebbe la terza guerra mondiale e invoca (e costringe non permettendo agli uomini adulti di lasciare il paese) il martirio del suo popolo. Putin non si fa scrupoli e per garantire la sicurezza del suo paese massacra bambini facendo finta di non sapere che di sicuro loro non hanno colpa della militarizzazione dell’Ucraina. Non so voi ma io di beccarmi in testa una bomba devastante per l’intera umanità non ho nessuna voglia. E’ una sporca guerra ultranazionalista e nessuno di loro due dovrebbe infangare la memoria di chi ha combattuto veramente il nazismo. Al nostro Governo deve restare solo ed unicamente il compito di aiutare i rifugiati ricordando che non esistono migranti di serie A e di serie B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.