Fútbol, miti e leggende del calcio sudamericano al Cafè Rossetti

Domenica 2 dicembre ritorna in scena il mio spettacolo Fútbol, miti e leggende del calcio sudamericano nella suggestiva cornice del Cafè Rossetti.

Dopo la prima di quest’estate nell’ambito della rassegna teatrale Sotto il cielo di San Giacomo ritorna Fútbol, miti e leggende del calcio sudamericano.

Lo spettacolo è un reading musicale, in due atti, con gli attori Luca Giustolisi e Andrea Salvo e con la musica sudamericana eseguita dal vivo da parte dell’orchestra Bachibaflax diretta dal maestro Marco Vilevich. Si racconta la storia di due uomini, di due calciatori sudamericani che hanno avuto il coraggio di dire di no.

La prima parte è intitolata: Carlos Caszely, l’uomo che si rifiutò di stringere la mano a Pinochet e narra la storia del calciatore cileno, oppositore del regime, dal colpo di stato del 11 settembre 1973 fino al 05 ottobre 1988 il giorno in cui, grazie alla vittoria nel referendum, si pose fine alla dittatura durata 15 anni.
La seconda parte si intitola: Obdulio Varela, l’uomo che fece piangere una nazione intera e racconta la storia del calciatore uruguaiano, che dopo aver guidato uno sciopero dei calciatori lungo sette mesi sconfisse, con la sua nazionale, il Brasile, allo stadio Maracanã davanti a quasi 200mila spettatori, nella finale del mondiale del 1950.

Appuntamento quindi domenica 2 dicembre presso il Cafè Rossetti in Largo Giorgio Gaber 1/2 a Trieste alle ore 20:30. Dopo lo spettacolo si potrà gustare una cena a tema latino americano.

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Locandina dell’evento

L’articolo de “Il Piccolo”

Alcune foto scattate da Nanni Spano

Altre foto grazie a Claudia Cernigoi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tagli alla sanità presentano il conto

Nel numero di dicembre de “Il Lavoratore” troverete un dossier sanità a cui ho contribuito con un articolo dove ho raccontato la mia esperienza con il Covid-19. Più che dei sintomi ho scritto della confusione in cui è precipitato il Dipartimento di Prevenzione dell’ASUGI a Trieste a causa della seconda ondata di contagi iniziata nei primi giorni di ottobre.