Per Bon, For Real di Ricky Russo – La recensione

Facebook xè un manicomio.
Te trovi quel che te conta, per fil e per segno, cossa el fa dalla mattina alla sera e te lo fa veder grazie al suo iphone; “me son sveiado…” (foto in bagno davati el specio), “stago lavorando…” (pie sulla scrivania e pc con facebook verto), “stago magnando una pizza co’ mia morosa…” (foto de la pizza no dela morosa). Ti te leggi e te speri che col riva a casa e col va in cesso el gabbi le batterie del telefono scarighe.
Te trovi quella che xè incazzada della vita xchè la gà ciapado el caz del mauco e la te riempi la bacheca de foto con babe al tramonto con aforismi e massime scritte tutte in stampatel font arial 48.
Te trovi quell’altro che, siccome el gà scritto un libro su un serial killer che copa modelle a Coloncovez (e solo che là) stampado per tremila euri da una casa editrice de Bustoarsizio, el se scrivi nel profilo “Scrittore”.
Te trovi quei (come mi) che no perdi occasion de metter foto del fio per far vedere a tutti che bel che el xè e come che el cressi ben, ma no una ogni tanto, una ogni giorno che co te lo incontri per strada te ghe disi “come mai no te ghe gà messo la maietta nova verde”.

Insomma, inutile farla lunga, te trovi de tutto ma te trovi anche Ricky Russo, un che se el scrivi qualcossa su facebook nel giro de un’ora el gà un 60 likes e un 30 commenti. El giorno del suo compleanno per farghe i auguri te se devi metter in fila col mouse in man e spetar el tuo turno sperando che i server de facebook no collassi per tropo traffico. Ma perchè tanto successo dirè voi? Semplice perchè Ricky gà ciapà una decision; el xè andà a New York, el grande pomo, ma no come turista ma con quela de viver là fazendo quel che el sa far meio e che ghe piasi de più cioè “into the music”.
Bon e llora? Gnanca che el fossi l’unico. Sì xè vero anche mi conosso tanti che gà mola baraca e burattini e i se la gà mocada da qualche parte oltre l’oceano. Nei primi novanta iera sai gettonado el centro e el sud america. Santo Domingo, Brasil, Costarica, sa quanti. Ma Ricky el gà fato una roba semplice, talmente semplice che la par mona. El ne gà contà a tutti non come la xè andada ma come stà andando, in tempo reale, Real time, ah no, po’ ciò! Bon d’accordo la muleria 25 anni fa no gaveva i social network e scriver lettere a cento de lori ogni giorno costava tropo. Però no xè de tutti comunque. Ricky ne gà contando come xè vivere a New York zercando de realizar un sogno e lo gà fato talmente ben che ierimo (e semo ancora perchè no la xè finida) là tuti a far el tifo per lui. Bon alla fine al suo ritorno, momentaneo a Trieste, el gà butà zo tutti sti pensieri e se vignudio fora un libro “Per Bon, For real”.
No xè un romanzo, no xè un saggio, no xè un racconto, no xè un diario de viaggio, no xè un romanzo epistolare, xè un oggetto narrativo non identificado (come diria i Wu Ming). Xè un ibrido sia nel contenuto che nella forma che nella lingua, un misto de italian, inglese e triestin. Una lingua che la te scorri via lissa co’ te la leggi (se te son de Oslo un poco meno).
Ricky ne conta cossa el gà fato e perchè, senza mai esser pedante e lassando spazio all’imaginazion nostra, perchè in fondo, un poco tutti, con almeno una parte de noi, volessimo esser là con lui, anzi volessimo aver fato come lui.
Se te piasi la musica, ma no perchè ogni tanto te impizi la radio e te la metti come sottofondo co’ te passi co l’aspirapolvere, se la te piasi davero, se te son “into the music” come Ricky allora ‘sto libro no te pol no piaser. Se te credi che xè ancora el tempo che qualchidun a 40 anni pol ancora scavar fora la pagnotta fazendo quel che ghe piasi, se te sa almeno due parole in crose de inglese e de triestin allora “Per Bon, For Real” xè el tuo libro.
Ah sì el libro del “scrittor” de Coloncovez costa 18 euro, quel de Ricky , diese.

P.S. Spero che Ricky no gaverà tempo per scriver “Per Bon, for real 2” xchè el sarà cussì pien de lavor de no saver dove metter le man, ma se la Sista Boba lo va a trovar ogni tanto e la buta zò un due righe mi le leggerò sempre volentieri

P.S. 2 Bon la recension la gò fata me manca de far la playlist su spotify e la foto col libro, si con calma però. Ah no po’ cio!!!!!

11 settembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.