25 Aprile in Risiera

Ieri mattina l’esibizione del Coro Partigiano Triestino Pinko Tomažič ha concluso la cerimonia celebrativa del 72° anniversario della Liberazione presso la Risiera di San Sabba a Trieste. Vi propongo tre clip video che ho realizzato per l’occasione.

Oltre alla musica il coro ha proposto delle toccanti letture. La prima tratta da Se questo è un uomo di Primo Levi.

Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere quest’offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati in fondo. Più di così non si può andare: condizione umana più misera non c’è, e non è pensabile. Nulla è più nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.

L’altra lettura che ho filmato è Lo avrai camerata Kesselring l’epigrafe della Lapide ad ignominia di Pietro Calamandrei alla memoria di Duccio Galimberti.

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
più duro d’ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA

Chiaramente non poter mancare l’esecuzione di Bella Ciao

Stamattina mi sono alzato,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
Una mattina mi son svegliato
e ho trovato l’invasor.

O partigiano, portami via,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
O partigiano, portami via,
ché mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E se io muoio da partigiano,
tu mi devi seppellir.

E seppellire lassù in montagna,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
Seppellire lassù in montagna
sotto l’ombra di un bel fior.

Tutte le genti che passeranno
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E le genti che passeranno
Ti diranno «Che bel fior!»

«È questo il fiore del partigiano»,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
«È questo il fiore del partigiano
morto per la libertà!

 

Primavera di sangue presentazione a Opicina

La quarta presentazione di Primavera di sangue sarà a cura dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ANPI VZPI Sezione di Opicina, dell’Associazione Slovena di Cultura SKD Tabor e della biblioteca Pinko Tomažič e compagni. L’incontro si terrà mercoledì 17 maggio alle ore 18:30 presso il Proventi dom (Casa di Cultura) di Opicina, negli spazi della biblioteca, in via del Ricreatorio 1/1 a Trieste.